Loading...

EduCARE

Consumo responsabile sull’uso delle risorse

Avanzato
 Gioca   |     Dacci la tua opinione!    |    Riprodurre l’audio
  VIDEO




Consumo responsabile sull’uso delle risorseLeggi tutto  



Introduzione:

Si prevede che nel 2050 la popolazione mondiale raggiungerà i 9,6 miliardi di persone, il che significa che potrebbe essere necessario l'equivalente di quasi tre pianeti per fornire le risorse naturali necessarie a mantenere gli attuali stili di vita.

Le risorse naturali sono quegli elementi della natura che gli esseri umani utilizzano per coprire determinate esigenze che garantiscono il loro benessere o sviluppo. Ad esempio: acqua, alberi, minerali, pesci, aria, petrolio, ecc.

 

L'SDG 12 "Produzione e consumo responsabili" proposto dalle Nazioni Unite invita i governi, le aziende e tutti i cittadini a lavorare insieme per migliorare l'efficienza delle risorse, ridurre i rifiuti e l'inquinamento e dare forma a una nuova economia circolare.

Il consumo responsabile (CR) si basa sulle "R" della sostenibilità: Ridurre, Riutilizzare, Riciclare, Recuperare, ecc. e sulla scelta di articoli di qualità rispettosi dell'ambiente naturale e sociale.

Contenuti:

Il consumo sostenibile/responsabile (CS/ CR) delle risorse è l'uso consapevole di servizi e prodotti per soddisfare i bisogni, con l'obiettivo di minimizzare l'uso di risorse e materiali e ridurre le emissioni inquinanti, in modo da non compromettere i bisogni delle generazioni future.
Le risorse naturali possono essere suddivise in: 

1) Risorse non rinnovabili (combustibili fossili - petrolio, gas naturale, carbone ed energia nucleare -, minerali, ecc. 

2) Risorse rinnovabili. Elementi della natura che si rigenerano o rinnovano periodicamente, come gli alberi, la radiazione solare, il vento, i pesci selvatici, ecc. Allo stesso modo, bisogna averne cura perché il loro uso eccessivo può portare alla loro estinzione.

Il CR, chiamato anche consumo ecologico, etico, critico o verde, è legato alla consapevolezza dei limiti delle risorse naturali. I consumatori impegnati in questo modello sono persone informate che contribuiscono a migliorare la qualità della vita delle generazioni attuali e future. Questo nuovo stile di vita si riassume in "vivere con meno è il meglio per un ambiente sostenibile"', al fine di ridurre i costi economici, ambientali e sociali, rafforzare la competitività economica e combattere la povertà.
Il CR mira a passare a un'economia più circolare, che mantiene in circolazione materiali, prodotti e servizi il più a lungo possibile, riduce l'uso di materiali, riprogetta i fattori di produzione, i prodotti e i servizi e recupera i rifiuti come risorse da immettere nuovamente.

Rifiuti zero significa progettare e gestire prodotti e processi per evitare ed eliminare sistematicamente il volume e la tossicità dei rifiuti e dei materiali, conservando e recuperando tutte le risorse e non bruciandole o seppellendole. L'implementazione di rifiuti zero eliminerà tutti gli scarichi nel terreno, nell'acqua o nell'aria, che rappresentano una minaccia per la salute del pianeta, dell'uomo, degli animali o delle piante. È quindi un obiettivo etico, economico, efficiente e visionario quello di guidare le persone a modificare i loro stili di vita e le loro pratiche, per emulare i cicli naturali sostenibili, che rappresentano un'economia circolare estremamente sviluppata. Trasformare i consumatori in proconsumatori CS(consumatori proattivi, impegnati e responsabili) sarà la chiave per avanzare verso un'economia circolare e persino verso un modello a rifiuti zero che mira a eliminare tutti gli scarichi nella terra, nell'acqua e nell'aria che minacciano la vita del pianeta.

Buona prassi:

Esempi di buone pratiche di iniziative governative per la promozione del consumo sostenibile si possono trovare nel rapporto dell'OCSE "Promoting Sustainable Consumption" (Promuovere il consumo sostenibile) che si basa sul lavoro svolto: edifici e costruzioni sostenibili (Finlandia), appalti pubblici sostenibili (Svizzera), turismo sostenibile (Francia), educazione al consumo sostenibile (Italia), ecc. 

Il governo spagnolo ha già lanciato nel 1978 una campagna pubblicitaria televisiva per ridurre l'uso di acqua ed energia dopo la prima crisi petrolifera: "Risparmia. Anche se tu puoi permettertelo, la Spagna no". Attualmente, il "Ministero della Transizione Ecologica e della Sfida Demografica" sta conducendo una campagna con il motto "Sei un maniaco dello spreco?". Puoi anche uscirne". 

 

La campagna di SDG Watch Europe "Chi paga il conto?" cerca di aumentare la consapevolezza degli impatti negativi che le politiche e le pratiche europee producono nel mondo, tenendo conto degli impatti ambientali e sociali al di là dei nostri confini piuttosto che vivere nell'illusione di un'Europa a basse emissioni di carbonio ed efficiente sotto il profilo delle risorse.

Il greenwashing, noto anche come eco-sbiancamento, è una cattiva pratica che consiste nell'orientare l'immagine di marketing di un'organizzazione o di un'azienda verso un posizionamento ecologico mentre le sue azioni vanno contro l'ambiente.

 

Sfide presenti e future:

Le sfide attuali e future devono riguardare tutti gli agenti coinvolti nella produzione e nel consumo responsabili.

Sfide per i consumatori:
- Aumentare le conoscenze dei consumatori per indurli a modificare i loro modelli di consumo. 
- Estendere l'educazione ambientale per aumentare la motivazione ecologica, a partire dall'infanzia, all'interno delle famiglie, invece di affidare tale educazione solo alla scuola.
- Trasformare i consumatori in prosumer (consumatori proattivi, impegnati e responsabili) sarà la chiave per avanzare verso un'economia circolare e persino verso un modello a rifiuti zero.

Le sfide delle imprese:
- Puntare sulla produzione di prodotti più durevoli.
- Incoraggiare le aziende a riparare i dispositivi, piuttosto che sostituirli con altri nuovi.  
- Migliorare i sistemi di produzione e logistica per renderli più efficienti dal punto di vista energetico e meno esigenti in termini di risorse.
- Sviluppare modelli di business responsabili e migliorare la percezione da parte delle aziende del valore strategico dell'economia circolare e delle sue grandi opportunità.
- Scartare il greenwashing come una cattiva pratica e implementare processi ecologici veri e impegnati.

Sfide per il governo e il settore pubblico:
- Incorporare l'educazione ambientale e il consumo responsabile nei programmi scolastici di ogni livello.
- Mantenere vive le campagne di sensibilizzazione e le raccomandazioni permanenti tra il pubblico.
- Incoraggiare le aziende a muoversi verso l'economia circolare, al di là del programma Next-Generation.
- Fornire sostegno alle famiglie per l'adeguatezza energetica e l'uso dell'acqua nelle loro case.
- Stabilire sanzioni fiscali per il consumo di risorse non rinnovabili per scoraggiarne l'uso.

Altre sfide per gli investitori:
- Sviluppare ricerche sul comportamento dei consumatori che supportino scientificamente le campagne e le misure di CR.
- Esplorare i possibili effetti collaterali di rimbalzo e a lungo termine, come le cattive conseguenze sociali e ambientali di alcune forme di produzione di energia sostenibile, come le turbine eoliche o i parchi solari. 
- Ricerca e innovazione su come ridurre la domanda di acqua, energia e altre risorse, in tutti i settori.
- Rafforzare il ruolo chiave delle entità ambientali e delle associazioni dei consumatori nel passaggio a un'economia più circolare.
- Stimolare la partecipazione di cittadini, comunità e associazioni rendendo visibili le loro buone pratiche e i loro casi di successo.



Il peso dell’economia in nel consumo delle risorseLeggi tutto  



Introduzione:

La soddisfazione dei bisogni dei cittadini richiede la conversione delle risorse in beni e servizi: cibo, vestiti, case, strade, ospedali, scuole, ecc. Le risorse produttive, quindi, sono tutte quelle utilizzate per produrre, come materie prime, lavoro, macchinari, energia, edifici, capitale finanziario, ecc.
Ma le risorse produttive sono limitate, a differenza della natura illimitata dei bisogni e dei desideri da soddisfare, quindi non tutti i bisogni possono essere soddisfatti con le risorse disponibili. Questo è il problema economico fondamentale.
Se i modelli di consumo attuali continuano, le risorse naturali continueranno a degradarsi e a esaurirsi, minacciando la fattibilità delle generazioni future.
La risposta economica a questa sfida risiede nell'economia circolare, che consiste in un modello di produzione e consumo che prevede il riutilizzo, la riparazione e il riciclaggio di materiali e prodotti il più a lungo possibile, estendendone il ciclo di vita e riducendo al minimo i rifiuti. Quando un prodotto termina la sua vita, i suoi materiali vengono conservati per essere riutilizzati in modo produttivo, cercando di raggiungere una produzione di rifiuti pari a zero.

Impatto/Benefici:

Il consumo responsabile da parte dei cittadini è uno dei motori dell'economia circolare. Questo modello economico offre un quadro di soluzioni sistemiche per lo sviluppo economico che affronta profondamente le cause delle sfide globali, rivelando al contempo grandi opportunità di crescita. Guidata dal design e sostenuta dall'utilizzo di energia e materiali rinnovabili, l'economia circolare rivoluziona il modo in cui progettiamo, produciamo e consumiamo. 

L'economia circolare implica la creazione di modelli di business responsabili basati sulla creazione di valore reale, combinando la fattibilità economica e la redditività con la fornitura di un'utilità alla società.

L'applicazione dell'economia circolare ha un impatto diretto sulla lotta al cambiamento climatico e sulla prevenzione dei rifiuti. Ad esempio, cambiando il modo di produrre e utilizzare l'acciaio, il cemento, l'alluminio e la plastica si potrebbero ridurre le emissioni di gas serra fino al 40% entro il 2050. Dal punto di vista economico, l'utilizzo di acciaio riciclato o riutilizzato per la costruzione di edifici potrebbe a sua volta generare un risparmio fino al 25% sui costi dei materiali per tonnellata di acciaio. Allo stesso modo, l'applicazione dei principi di circolarità al settore delle costruzioni potrebbe portare a una riduzione dei materiali (e dei costi) utilizzando la produzione modulare e la stampa 3D, l'ottimizzazione dell'uso dell'energia e il riutilizzo o il riciclo di materiali di alto valore nella fase di decostruzione. Da parte sua, la riduzione della produzione e del consumo di plastica può evitare un terzo della produzione globale di rifiuti plastici entro il 2040. Dato l'attuale e previsto aumento della produzione globale di rifiuti, la transizione verso un'economia circolare diventa fondamentale.

Affrontando le inefficienze strutturali lungo le catene di fornitura, l'economia circolare offre numerose opportunità di creazione di valore a livello industriale. Ad esempio, si prevede che il mercato degli imballaggi a rendere crescerà da 37 miliardi di dollari (2018) a 59 miliardi di dollari entro il 2026. Analogamente, il mercato dell'abbigliamento di seconda mano raddoppierà le dimensioni del mercato del fast fashion entro il 2029. Alcuni studi suggeriscono che la transizione verso un'economia circolare potrebbe generare un beneficio economico netto di 1.800 miliardi di euro per l'Europa entro il 2030 e un valore annuale di circa 624 miliardi di dollari in India entro il 2050, rispetto all'attuale scenario lineare.

Secondo Accenture, le pratiche di economia circolare (CE) contribuirebbero per 4,5 trilioni di dollari fino al 2030 colmando il gap di circolarità.
Recenti studi in America Latina e nei Caraibi indicano inoltre che l'adozione dell'economia circolare potrebbe creare un aumento netto di 4,8 milioni di posti di lavoro nella regione. Inoltre, secondo la Commissione europea, l'attuazione di misure circolari ambiziose in Europa potrebbe generare circa 700.000 nuovi posti di lavoro.

Buona prassi:

Le aziende, in quanto principali protagoniste del cambiamento verso un modello di produzione più sostenibile, devono incorporare buone pratiche. Vengono segnalate alcune buone pratiche aziendali:

  • Mercadona, Makro, Carrefour e altri supermercati e negozi applicano sconti agli alimenti prossimi alla data di scadenza, facilmente distinguibili grazie agli adesivi colorati che indicano la percentuale di sconto.

  • Triodos Bank utilizza il denaro dei risparmiatori e degli investitori per finanziare esclusivamente progetti sociali, ambientali e culturali.

  • Il progetto RC4ALL di Endesa utilizza l'intelligenza artificiale per ottenere un consumo energetico responsabile, generando raccomandazioni personalizzate che migliorano l'efficienza dei consumi dei clienti.

  • Circular Economy in Action è una piattaforma composta da Cosentino, Ecoembes, Faconauto, GM Tecnologías Ferrovial Servicios, IKEA, Mercadona, Oficemen e Sedigas, che ha l'obiettivo di rendere visibili i progetti di economia circolare che contribuiscono agli investimenti nell'economia e generano opportunità di lavoro, diventando così una leva per stabilire le basi di una crescita solida. Attualmente, la piattaforma porta 19 progetti di economia circolare che rappresentano un investimento aggregato di 9.555 milioni di euro e una generazione di occupazione stimata in 4.750 posti di lavoro diretti in Spagna.

Sfide presenti e future:

Nel 2021 l'economia era circolare solo per l'8,6%, il che implicava che avremmo potuto riallocare solo l'8,6% dei materiali non vergini. Il nostro sistema economico si basa sullo sfruttamento sconsiderato delle risorse del pianeta, con conseguenti problemi ambientali, ecologici, sociali e sanitari.
 
L'impiego di risorse vergini per il 91,4% delle nostre attività economiche suggerisce anche un significativo "gap di circolarità" legato a pratiche commerciali inefficienti.

Dobbiamo quindi parlare di concetti come catene del valore sostenibili che generano relazioni di fiducia che cercano un approccio win-win per tutti gli attori coinvolti, la promozione dell'imprenditorialità sostenibile e l'innovazione sociale come modelli di business responsabili. Sostenibilità significa riduzione dei costi grazie alla riduzione dell'uso delle risorse e degli sprechi e alla promozione di un'economia locale e solidale.

La trasparenza da parte delle aziende, l'educazione e l'informazione da parte dei consumatori sono importanti anche per l'ulteriore sviluppo di mercati sostenibili e di indicatori economici di sostenibilità (come gli indici di borsa delle imprese etiche, i finanziamenti, ecc.)

La sostenibilità è economicamente redditizia e rappresenta un impegno strategico di lunga durata per il futuro. Ciò significa che ci troviamo di fronte a un nuovo paradigma.
Il programma Next Generation rappresenta un'enorme opportunità per passare a un'economia più circolare. Il bilancio a lungo termine dell'UE, insieme a NextGenerationEU (NGEU), lo strumento temporaneo progettato per stimolare la ripresa, costituiscono il più grande pacchetto di stimoli mai finanziato in Europa. Un totale di 2.018.000 miliardi di euro a prezzi correnti* sta contribuendo alla ricostruzione dell'Europa post-COVID-19. Sarà un'Europa più verde, più digitale e più resiliente.

Ulteriori informazioni:

 

Economia circolare: una questione di modello/progetto
 https://www.unido.org/stories/circular-economy-question-design 

Accenture (2021) Conquistare I consumatori con un’economia circolare: 
 https://www.accenture.com/us-en/insights/consumer-goods-services/circular-economy

Lancio dell'Alleanza globale sull'economia circolare e l'efficienza delle risorse (UNIDO, febbraio 2021)
 https://www.unido.org/news/launch-global-alliance-circular-economy-and-resource-efficiency-0

Perché la produzione innovativa e la circolarità sono fondamentali per un'industria manifatturiera resiliente post-COVID-19 (UNIDO, maggio 2020) 
https://www.unido.org/news/why-innovative-manufacturing-and-circularity-are-key-resilient-manufacturing-industry-post-covid-19

CE: Piano di rilancio per l’Europa
https://commission.europa.eu/strategy-and-policy/recovery-plan-europe_en

Economia circolare e lavoro/impiego
https://www.up-to-us.veolia.com/en/climate/circular-economy-climate-change-solution-unemployment 
 

 



Consumo di risorse e cittadini, società e culturaLeggi tutto  



Introduzione:

Il consumo responsabile di risorse (RC) non è solo legato alla consapevolezza dell'impatto ambientale, come l'esaurimento delle risorse o la produzione di rifiuti. Il CR può essere definito come la consapevolezza dei singoli consumatori circa i loro diritti e le loro responsabilità nel mercato, e questa consapevolezza deve includere l'interesse per le persone, le comunità e i Paesi.

Un consumatore socialmente responsabile acquista e utilizza i prodotti con una nuova prospettiva, che tiene conto del rapporto tra sostenibilità e consumo, ma anche delle implicazioni politiche, culturali, sociali ed economiche legate al modo in cui i beni sono stati prodotti. Questo nuovo consumatore equo si preoccupa di come vengono ottenute, lavorate e prodotte le risorse per fabbricare i beni che acquista, interessandosi alle persone e alle condizioni dei luoghi da cui provengono.


Il consumatore responsabile si preoccupa anche degli effetti della globalizzazione ed è consapevole dello sfruttamento, della povertà, delle relazioni squilibrate tra Paesi ricchi e poveri, della mancanza di rispetto dei diritti umani e del lavoro in molti Paesi, della standardizzazione e dell'imposizione culturale che diluisce le tradizioni e le conoscenze ancestrali, ecc.

Impatto/Benefici:

È quindi giunto il momento di consumare in modo responsabile, considerando le conseguenze che il consumo può avere sulle persone, sulla società, sui Paesi e sul pianeta. Un consumatore socialmente consapevole tiene conto dell'impegno nel cambiamento sociale attraverso il proprio potere d'acquisto, assumendosi la responsabilità di risolvere i problemi sociali attraverso il proprio comportamento d'acquisto.

Ci sono segnali di cambiamento nei modelli di consumo e negli stili di vita. Le persone consumano in modo più responsabile in tutti i settori e, di fatto, la consapevolezza sociale e culturale è cambiata nel tempo, dall'allarme seminale del Rapporto del Club di Roma del 1972 al Vertice Mondiale sullo Sviluppo Sostenibile, tenutosi per la prima volta a Johannesburg nel 2002, fino a quello attuale del 2023 a Delhi, in India.
Il consumo responsabile si concentra su valori sociali ed etici, tenendo conto degli effetti della globalizzazione e di questioni come l'uguaglianza di genere, il rispetto dei diritti umani, la protezione dei bambini, le condizioni di lavoro nei Paesi terzi, le norme legali e del lavoro, gli effetti sulle comunità dello sfruttamento, della delocalizzazione e del subappalto, le conseguenze come la migrazione e lo spopolamento, ecc.

Il consumo responsabile può agire principalmente nelle seguenti aree:

SOCIALE: il CR è un atto consapevole e premeditato, che lotta contro la pressione della pubblicità e delle mode imposte, mostrando il suo potere di cambiamento sociale e trasformando un semplice gesto quotidiano in un vero e proprio atto di cittadinanza, che contribuisce a cambiare le regole e i modelli di produzione e consumo.
Il CR contribuisce all'uguaglianza sociale, favorendo l'imprenditoria locale, la chiusura del commercio e la protezione delle imprese più vulnerabili.

CULTURALE: CR significa un cambiamento nello stile di vita, che restituisce benessere e salute alle persone. Il potenziamento dei consumatori rafforza il loro ruolo e la loro capacità di influenzare e trasformare il mondo, di difendere le culture e le diversità, di proteggere il multiculturalismo.

LEGGI, DIRITTI DEL LAVORO E DIRITTI UMANI: CR promuove le imprese socialmente responsabili contribuendo a sviluppare misure, programmi, politiche, pratiche e azioni in difesa dei diritti umani, delle condizioni di lavoro eque e della legalità in tutto il mondo, in linea con gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile.

Buona prassi:

Le buone pratiche di CR sono principalmente legate al sostegno delle aziende socialmente responsabili (SRC) attraverso il consumo. Esistono alcuni segnali che possono aiutare i consumatori a identificare le SRC:
SA 8000 è lo standard indipendente più accettato a livello globale che incoraggia le organizzazioni a sviluppare, mantenere e applicare pratiche socialmente accettabili sul posto di lavoro. La certificazione SA 8000 affronta questioni quali il lavoro forzato e minorile, la salute e la sicurezza sul lavoro, la libertà di associazione e la contrattazione collettiva, la discriminazione, le pratiche disciplinari, gli orari di lavoro, la retribuzione e i sistemi di gestione.

STANDARD IKEA IWAY: La visione di IKEA è quella di creare una vita quotidiana migliore per molte persone. Tutte le aziende che operano con il marchio IKEA e tutti i loro fornitori sono soggetti allo standard IWAY, che mira a prendersi cura delle persone, del pianeta e degli animali. Quando le persone, il pianeta e gli animali vengono trattati con rispetto, i lavoratori sono più produttivi, le risorse vengono utilizzate in modo più efficiente e gli affari prosperano. Anche i nostri clienti ne traggono beneficio, sapendo che tutti i beni che IKEA vende sono prodotti, trasportati, consegnati e assemblati in modo responsabile e che i fornitori dei nostri negozi, dei punti di contatto con i clienti e dei siti di produzione mantengono buone condizioni sociali, ambientali e di benessere degli animali, in tutte le fasi della catena del valore di IKEA".

 

 

RI-NEGOZI DA CARITAS: Caritas Internationalis è una confederazione di 162 organizzazioni cattoliche di soccorso e sociali la cui missione è lavorare soprattutto per i poveri e gli oppressi. In Spagna, la Caritas ha sviluppato una catena di negozi di seconda mano per la raccolta, la rivendita e il riciclaggio di prodotti tessili, con l'obiettivo di promuovere l'accesso al mercato del lavoro per le persone a rischio di esclusione; gestire e rendere dignitosa l'erogazione di servizi sociali alle famiglie con risorse limitate; dare agli indumenti raccolti il miglior trattamento, rispettando la gerarchia dei rifiuti.

Programmi di sensibilizzazione alle 5R per bambini e adulti: un esempio di azienda focalizzata sull'ideazione e lo sviluppo di azioni per sensibilizzare alla sostenibilità è Ecoideas Consultoria, che realizza programmi educativi per scuole, istituti e cittadini che, oltre a imparare cosa e come implementare le 5R, le "fanno" con i partecipanti in brevi sessioni pratiche.

Sfide presenti e future:

La sfida principale per sviluppare un consumo più responsabile consiste nell'aumentare la consapevolezza sociale delle persone nel loro comportamento di consumo, cioè la capacità di avere una prospettiva e di entrare in empatia con gli altri, comprese le persone di altre origini e culture. In breve, è essenziale migliorare la capacità di comprendere le norme sociali ed etiche di comportamento e riconoscere come influenziamo le risorse del mondo, della società e della comunità.
È fondamentale far capire alle generazioni future quanto sia importante essere consapevoli del proprio impatto d'acquisto e riorientarle verso la responsabilità. L'educazione e la cultura diventano punti chiave per sostenere la sostenibilità economica, ambientale e sociale.
È necessaria una maggiore ricerca scientifica sulle chiavi del comportamento del consumatore, per una migliore comprensione dei suoi atteggiamenti e delle sue motivazioni, a supporto di programmi educativi e di sensibilizzazione efficaci. È necessario fare progressi anche nella formazione tecnica dei consumatori sugli standard e le certificazioni che garantiscono una produzione responsabile, in modo che sappiano comprendere e interpretare le etichette dei prodotti e siano quindi in grado di prendere decisioni più sensate e fondate.
La consapevolezza sociale e culturale dovrebbe affrontare una sfida principale: un movimento collettivo e contagioso che trasformi il modo di consumare e produrre in tutto il mondo. Allo stesso modo, queste preoccupazioni comuni dovrebbero motivare un forum di impegno pubblico sui piani d'azione per una vita e un consumo sostenibili, con il supporto di politici, cittadini e aziende.

Ulteriori informazioni:

Sito web SA 8000:
https://www.sgs.com/en-gb/services/sa-8000-certification-social-accountability

Il consumo e la società del consumatore:
https://www.bu.edu/eci/files/2019/10/Consumption_and_Consumer_Society.pdf 

Il consumo come fonte di cambiamento sociale:
https://www.jstor.org/stable/43287574 

Gordon,J: "Il capitalismo globale ha sviluppato una cultura del consumo planetaria basata sullo sfruttamento e sull'esclusione"
 https://www.jakeg.co.uk/essays/consumer_exploitation 

IISD: Fare di più con meno: Garantire un consumo e una produzione sostenibili.
https://www.iisd.org/articles/deep-dive/doing-more-less-ensuring-sustainable-consumption-and-production

Lavoro dignitoso e Obiettivi di Sviluppo Sostenibile di ILO:
http://ilo.org/wcmsp5/groups/public/---dgreports/---dcomm/documents/publication/wcms_436923.pdf



Sostenibilità ambientale nell´uso delle risorseLeggi tutto  



Introduzione:

Il consumismo è una realtà della società moderna, che ci permette di soddisfare i nostri bisogni e desideri attraverso l'acquisto di beni e servizi. Non c'è nulla di male nel consumare, purché lo si faccia in modo responsabile e consapevole. Tuttavia, sebbene il consumo sia legittimo, la spirale di consumismo in cui siamo coinvolti rappresenta un eccesso che si traduce in un eccessivo sfruttamento delle risorse del pianeta. Il problema è che non solo utilizziamo risorse che sono finite e non possono essere rinnovate, ma anche che sovrautilizziamo quelle che possono essere rinnovate e che lo fanno a un ritmo inferiore a quello con cui vengono consumate. Questo comporta gravi conseguenze ambientali, sociali ed economiche, che minacciano il nostro benessere e quello delle generazioni future.
Gli effetti più evidenti sono il cambiamento climatico e la perdita di biodiversità, con le conseguenze che ne derivano: cambiamento dei modelli meteorologici, aumento delle temperature, tempeste e ondate di calore più intense, siccità, scioglimento dei ghiacci e innalzamento del livello del mare, inquinamento atmosferico, esaurimento delle fonti energetiche e minerali, eccesso di rifiuti, perdita di specie, scarsità di cibo, aumento delle malattie e delle epidemie, povertà, spostamenti migratori, aumento della mortalità, ecc..

Per garantire la sostenibilità ambientale, è essenziale ridurre il consumo di tutti i tipi di risorse, sia naturali che energetiche. Tuttavia, per farlo è necessario avere informazioni che ci aiutino a sviluppare un consumo più responsabile e consapevole. Ci sono alcuni indicatori critici che è importante conoscere e tenere in considerazione nelle nostre decisioni di acquisto se si vuole adottare uno stile di vita più sostenibile. Tra questi, ci sono la valutazione dell'impatto ambientale dei prodotti, la loro origine, la loro durata, la loro riciclabilità e il loro effetto sulla biodiversità.

Impatto/Benefici:

Impronta idrica: tutti i prodotti e i servizi richiedono acqua per essere prodotti. 
L'impronta idrica è un indicatore che mostra il consumo di acqua dolce da parte della popolazione. L'impronta idrica misura la quantità di acqua utilizzata per produrre ciascuno dei beni e servizi che utilizziamo. Può essere misurata per un singolo processo o per un'intera azienda. L'impronta idrica può anche dirci quanta acqua viene consumata in uno specifico bacino fluviale o da una falda acquifera. È inoltre possibile utilizzare l'impronta idrica per misurare la quantità di acqua necessaria per produrre tutti i beni e i servizi consumati da un individuo o da una comunità, da una nazione o dall'intera umanità. Questo comprende anche l'impronta idrica diretta, ovvero l'acqua utilizzata direttamente dagli individui e l'impronta idrica indiretta, ovvero la somma delle impronte idriche di tutti i prodotti consumati. L'impronta idrica europea pro capite è di 5.011 litri al giorno, ma negli Stati Uniti sale a 7.800 litri.

 

Impronta di carbonio: Le scia di gas a effetto serra, (In Inglese Greenhouse Gases (GHG), che vengono emessi nell'atmosfera a causa delle attività umane è nota come impronta di carbonio. 
L'impronta di carbonio è un indicatore che quantifica l'impatto delle attività umane sul clima in termini di emissioni di gas serra (GHG). Questi gas, tra cui il più rilevante è il biossido di carbonio (CO2), contribuiscono al fenomeno dell'effetto serra e al riscaldamento globale. L'impronta di carbonio comprende sia le emissioni dirette, generate da fonti controllate dall'uomo, sia le emissioni indirette, associate al consumo di energia e di beni e servizi. Oltre alla CO2, altri gas serra sono il metano (CH4), l'ossido di azoto (N2O), gli idrofluorocarburi (HFC), i perfluorocarburi (PFC) e l'esafluoruro di zolfo (SF6). L'impronta di carbonio si esprime in tonnellate equivalenti di CO2 emesse.

Rappresenta il volume totale dei gas a effetto serra (GHG) prodotti dalle attività economiche e quotidiane dell'essere umano, espresso in tonnellate di CO2 emesse. Questo indicatore ambientale misura le emissioni dirette e indirette di composti come il metano (CH4), l'ossido di azoto (N2O), gli idrofluorocarburi (HFC), i perfluorocarburi (PFC), l'esafluoruro di zolfo (SF6) e, soprattutto, il più abbondante e che dal 1990 contribuisce maggiormente al riscaldamento globale: il biossido di carbonio (CO2). L'impronta di carbonio è aumentata di 11 volte dal 1961 e oggi rappresenta il 60% dell'impatto totale delle attività umane sull'ambiente. Può essere misurata per individui, comunità, aziende o Paesi.

 

Produzione e gestione dei rifiuti: L'Europa produce ogni anno oltre 250 milioni di tonnellate di rifiuti urbani e più di 850 milioni di rifiuti industriali. Il tasso di incremento medio annuo di questi rifiuti dal 1985 nell'area europea dell'OCSE è stimato intorno al 3%. Nel 2020 la quantità di rifiuti urbani prodotti pro capite nell'UE ammonterà a 505 kg, 4 kg pro capite in più rispetto al 2019 e 38 kg in più rispetto al 1995. Il problema principale dei rifiuti non è solo la loro produzione, ma anche la loro gestione, ovvero la prevenzione, la raccolta, il trattamento e il riciclaggio. Gli Stati membri dell'UE devono impegnarsi per garantire le seguenti quote di riciclaggio dei rifiuti entro il 2030: 80% di carta e cartone, 70% di imballaggi, 80% di metalli ferrosi, 75% di vetro, 60% di alluminio, 55% di plastica e 30% di legno. D'altra parte, sono stati fissati obiettivi anche per i rifiuti urbani, il cui riciclo dovrà essere almeno del 60% nel 2030.
Altri indicatori significativi dell'impatto ecologico dei consumi sono i seguenti:

  • Perdita di biodiversità terrestre e marina, riduzione delle aree selvagge, effetti sulle coste.

  • Produzione e riciclo dei rifiuti di plastica.

  • Occupazione del suolo, degrado, desertificazione.

  • Consumo di materie prime e materiali non rinnovabili.

Buona prassi:

UE per i pannelli solari: Nel dicembre 2022, il Parlamento ha votato a favore dell'obbligatorietà della presenza di pannelli solari negli edifici di nuova costruzione per garantire che i permessi per l'installazione di impianti a energia solare sugli edifici vengano consegnati entro un mese. Questo vale tranne che per gli impianti più piccoli, inferiori a 50kW, per i quali sarebbe sufficiente una semplice procedura di notifica. L'installazione di impianti solari sarebbe esente dall'obbligo di effettuare una valutazione di impatto ambientale. Il processo di rilascio di un permesso per l'installazione di pompe di calore non dovrebbe superare un mese.

Sistemi di approvvigionamento idrico duale: i sistemi di distribuzione duale prevedono l'utilizzo di acqua proveniente da due fonti diverse in due reti di distribuzione separate. I due sistemi funzionano indipendentemente l'uno dall'altro all'interno della stessa area di servizio. I sistemi di distribuzione duale sono solitamente utilizzati per fornire acqua potabile attraverso una rete di distribuzione e acqua non potabile attraverso l'altra. I sistemi verrebbero utilizzati per aumentare le forniture di acqua pubblica, fornendo acqua non trattata, o trattata male, per scopi diversi da quello potabile. Tali scopi potrebbero includere la lotta antincendio, gli scarichi sanitari, la pulizia delle strade o l'irrigazione di giardini o prati ornamentali.

Logistica verde / Consegna ecologica: è il processo di minimizzazione dei danni all'ambiente dovuti alle operazioni logistiche di un'organizzazione. La logistica comprende il trasporto e i processi ad alta intensità di risorse come l'approvvigionamento, la gestione delle scorte, l'immagazzinamento, l'evasione degli ordini e la distribuzione. Include anche i processi inversi, come la logistica dello smaltimento, che riguarda il riutilizzo, il riciclaggio e lo smaltimento dei rifiuti. Le aziende che sono esempi di logistica sostenibile sono Lidl, IKEA o UPS.

Melia Hotels International è stata riconosciuta come l'azienda alberghiera più sostenibile in Spagna e in Europa per il terzo anno consecutivo (2019, 2020, 2021). L'azienda è inoltre seconda nella classifica mondiale stilata da S&P Global, l'agenzia di investimenti sostenibili che valuta le aziende dell'indice Dow Jones Sustainability. "Con una presenza globale in quattro continenti, siamo impegnati a lavorare per un nuovo modello di ospitalità sostenibile e responsabile, aumentando il contributo del settore alla società e aiutando a proteggere il pianeta. Siamo molto orgogliosi che Meliá sia il marchio che sta guidando questa trasformazione e che sia considerato un punto di riferimento per la sostenibilità nel mondo, dato che questa sarà la chiave del turismo del futuro", ha dichiarato Gabriel Escarrer, CEO di Meliá Hotels International.

Sfide presenti e future:

Le sfide per ridurre e mitigare il consumo di risorse implicano necessariamente il lavoro per gli SDG relativi a questa problematica, in particolare: 

  • SDG 6 per una gestione sana ed efficiente dell'acqua potabile.

  • SDG 7 per lo sviluppo di fonti energetiche rinnovabili pulite ed economiche. 

  • SDG 9 per il miglioramento e il rafforzamento delle infrastrutture industriali e dell'innovazione.

  • SDG 11 per rendere le città più vivibili e sostenibili. 

  • SDG 12 per promuovere un consumo e una produzione responsabili. 

  • SDG 13: agire contro il cambiamento climatico. 

  • SDG 14: proteggere l'acqua e la vita marina. 

  • SDG 15 ripristinare e difendere gli ecosistemi terrestri e la biodiversità. 

  • Tutto questo richiede collaborazione e investimenti pubblico-privati, come stabilito nell'SDG 17. 

Possiamo riassumere le grandi sfide del futuro in due blocchi: 

  • Aumentare l'educazione e la consapevolezza della popolazione (consumatori), verso un modo di consumare più responsabile. Questa educazione al mainstreaming deve iniziare a scuola e svilupparsi lungo tutto l'arco della vita per agire sulla domanda del mercato.

  • Promuovere gli investimenti nell'innovazione e nello sviluppo di beni, servizi e tecnologie più sostenibili, soprattutto da parte di governi e aziende, per influenzare l'offerta del mercato.

Ulteriori informazioni:

La rete dell'impronta idrica:
https://waterfootprint.org/en/water-footprint/what-is-water-footprint/
  
Gestione e riciclaggio dei rifiuti in Europa:
 https://environment.ec.europa.eu/topics/waste-and-recycling_en 

Il sito web dell'impronta di carbonio:
 https://www.carbonfootprint.com/

Certificazioni di legno e foreste sostenibili:
 https://www.buildwithrise.com/stories/wood-certification-programs
 



Come diventare un consumatore di risorse più responsabileLeggi tutto  



Introduzione:

Il consumo responsabile implica l'applicazione delle ben note regole di base della sostenibilità, originariamente espresse nelle "3 R" (ridurre, riutilizzare, riciclare) e recentemente ampliate a 7 o addirittura 10: ripensare, rifiutare, ridurre, riutilizzare, riempire, rinnovare, recuperare, riparare, restituire, riciclare. Ridurre il consumo di tutti i tipi di beni e servizi significa risparmiare sulle materie prime, sull'energia, sull'acqua, sull'occupazione del suolo e produrre meno inquinamento e rifiuti dovendo produrre meno cose.
Per ottenere una modalità di consumo più responsabile, il ruolo del consumatore è essenziale, poiché è la domanda del mercato a guidare l'offerta. Di conseguenza, assegnare una parte di responsabilità al consumatore è necessario per raggiungere uno stile di vita più consapevole. Non dimenticate che "potete fare di più" per la società, per il pianeta e anche per voi stessi.
I consumatori sono chiamati a scommettere sulla riduzione dei consumi, che può avvenire attraverso il riutilizzo. Vale a dire, evitando di scartare beni ancora utili, semplicemente perché si possono acquistare nuovi. E quando un bene non è più utilizzabile, la cosa giusta da fare è smaltire i suoi rifiuti in modo che possano essere recuperati come materia prima, utilizzati in altri processi o semplicemente buttati via senza un impatto negativo sull'ambiente.

 

È estremamente necessario un cambiamento culturale per passare dalla modalità di consumo "usa-e-getta" a quella "riduci-riusa-ricicla".
Lo sviluppo di un consumo più responsabile è positivo per gli individui e le famiglie: l'austerità rende le persone più forti, più resistenti e autonome. Limitando i consumi superflui, non solo risparmiamo denaro, ma rafforziamo anche la nostra forza di volontà e la capacità di controllare la nostra vita, creando abitudini che a lungo termine gioveranno alla nostra mente, alla nostra salute e alle nostre finanze.
Nelle famiglie, oltre a rappresentare un risparmio significativo, moderare i consumi è molto educativo per i bambini e i ragazzi, che imparano a dare valore alle cose e a incorporare queste abitudini nella loro vita. 
Quando si riutilizzano i beni, spesso è necessario pensare a nuove funzionalità e usi, a come ripararli o rinnovarli. Questo gesto aumenta la creatività, l'ingegno e la capacità di innovazione, aprendo le menti.
Un indicatore sconvolgente è la Giornata della Sovraccapacità della Terra, chiamata anche Giornata del Debito Ecologico, che indica in quale giorno dell'anno abbiamo esaurito tutte le risorse naturali esistenti per l'intero anno, quindi stiamo consumando oltre quello che abbiamo. L'EOD è stato anticipato dal 29 dicembre del 1970 al 28 luglio del 2022: abbiamo bisogno di quasi 2 pianeti per sostenere il nostro stile di vita e nei Paesi sviluppati questa cifra sale a 2,5-3 pianeti.

Consigli e raccomandazioni:

Sebbene l'attenzione per raggiungere uno stile di vita più sostenibile debba essere posta sull'industria, anche i consumatori sono chiamati a sviluppare abitudini migliori. Cambiare le catene di valore della produzione e dell'utilizzo delle risorse richiederà tempo, poiché il ruolo dei consumatori, attraverso le loro piccole azioni quotidiane, è importante per passare a un'economia sempre più circolare. 
Per aiutarvi a cambiare le vostre abitudini e ispirare gli altri, ecco alcuni consigli pratici: 

FARE

  • Ridurre l'uso di acqua ed energia nella vita quotidiana, sviluppando quelle azioni che possono aiutare a questo scopo: usare la doccia invece della vasca da bagno, spegnere le luci e gli elettrodomestici che non si usano, moderare la temperatura del riscaldamento o della refrigerazione, adattare la propria casa per risparmiare acqua ed energia, mantenere una corretta manutenzione, ecc.

  • Rifiutate i prodotti monouso, soprattutto se di plastica, ma non fatevi ingannare dal greenwashing: un prodotto monouso di cellulosa non è più sostenibile di uno di plastica. La cosa sostenibile è avere prodotti durevoli e utilizzarli più volte.

  • Acquistate prodotti sfusi, portando le vostre borse al negozio, in contenitori a rendere, con imballaggi minimi. Scegliete prodotti locali e acquistateli nei mercati tradizionali, comprate spesso in piccole quantità evitando la conservazione o lo stoccaggio a lungo termine, riempite e riutilizzate confezioni e contenitori.

  • Scegliere i mezzi pubblici, camminare ogni giorno, andare in bicicletta, usare le scale invece dell'ascensore. Fare le cose con le mani, evitare il più possibile l'uso di apparecchi elettrici e, in generale, scegliere la modalità di trasporto, riscaldamento e/o raffreddamento più efficiente dal punto di vista energetico.

  • L'acquisto più sostenibile è quello non fatto, quindi riutilizzate e restaurate gli oggetti, adattateli e prolungatene la vita, praticate l'upcycling, sfruttando i rifiuti per creare nuovi prodotti basati su creatività e immaginazione. Infine, donate ciò che non utilizzate più a persone bisognose o a negozi di beneficenza.

  • Prima di acquistare un elettrodomestico o un dispositivo elettronico, documentatevi sull'obsolescenza programmata, monitorate le recensioni degli utenti e scegliete prodotti di qualità, di lunga durata e di cui sia nota la tracciabilità. Leggete e imparate a interpretare le etichette per conoscere la classe energetica, la composizione e l'origine dei prodotti. Manteneteli regolarmente in buona manutenzione per ridurre il consumo di energia e prolungarne la vita utile.

 

NON FARE

  • Evitare l'acqua in bottiglia, poiché l'acqua del rubinetto, naturale o filtrata, quando necessario, è sana e più economica. Evitare le lampadine tradizionali e sostituirle con luci a led.

  • Rifiutare i prodotti monouso e usa e getta, i contenitori di plastica, le piccole presentazioni, la merce con una piccola quantità di prodotto in un grande contenitore.

  • Non tenere i dispositivi elettrici in stand-by, ma spegnerli; non accendere le luci inutilmente, non lasciare il riscaldamento o la refrigerazione in funzione quando non c'è nessuno, evitare di aprire e chiudere ripetutamente porte o finestre in spazi climatizzati.

  • Non usare l'auto per brevi spostamenti, né l'ascensore o le scale mobili per salire uno o due piani; evitare l'uso di apparecchi meccanizzati per semplici operazioni di pulizia della casa e della cucina, come tagliare o grattugiare.

  • Evitare l'uso di risorse non rinnovabili e scegliere materiali riciclati quando possibile. Assicuratevi che i mobili, i vestiti e i materiali da costruzione che acquistate abbiano un'origine nota ed equosolidale e rifiutate quelli che non hanno una certificazione accreditata.

Ulteriori informazioni:

Consumo sostenibile: Blog
https://brovation.org/sustainable-consumption-8-suitable-tips-for-everyday-use/

Trucchi e suggerimenti per il CR a Montreal, Canada:
 https://montreal.ca/en/articles/tricks-and-tips-practicing-responsible-consumption-7473 

Le statistiche di Eurostat spiegate: SDG12 Consumo e produzione responsabili. Risultati 2022:
https://ec.europa.eu/eurostat/statistics-explained/index.php?title=SDG_12_-_Responsible_consumption_and_production#Context

Juan José Piedra Galán: Le 10R dell'economia circolare (no, non sono 3).
https://www.linkedin.com/pulse/green-controlling-5-10-rs-circular-economy-3-juan-jose-piedra-galan/ 

Nazioni Unite: SDG 12: Garantire modelli di consumo e  modelli di produzione
 https://www.un.org/sustainabledevelopment/sustainable-consumption-production/

ARTICOLO: WHITE, HABIB & HARDISTY: Come modificare i comportamenti dei consumatori per essere più sostenibili
 https://journals.sagepub.com/doi/epub/10.1177/0022242919825649 

Deloitte: come i consumatori abbracciano la sostenibilità
https://www2.deloitte.com/uk/en/pages/consumer-business/articles/sustainable-consumer.html

La Banca Mondiale: Garantire modelli di consumo e produzione sostenibili.
https://datatopics.worldbank.org/sdgatlas/archive/2017/SDG-12-responsible-consumption-andproduction.html

World Economic Forum: Questo semplice quadro di riferimento può guidare il consumo responsabile.
 https://www.weforum.org/agenda/2021/09/a-framework-for-corporations-and-consumers-to-drive-responsible-consumption-retail-sustainability-impact-jd-kearney/





Area

Uso delle risorse

Livello

Avanzato

Parole chiave

Consumo responsabile; uso delle risorse; energia; acqua; materie prime; risorse naturali, risorse rinnovabili / risorse non rinnovabili; inquinamento atmosferico; economia circolare; rifiuti; UN SDG12; Fine Vita (EoL)

Partners